Vini, Scegliamo quelli giusti per le Feste

Print Friendly, PDF & Email

Durante i pranzi delle Feste è molto importante servire dei vini che esaltino al meglio il gusto delle diverse portate, dall’antipasto al dolce, accompagniandoli come una nota aggiuntiva all’armonia dell’evento e rendendo ogni brindisi perfetto.

Vediamo qualche consiglio su come sceglierli ed abbinarli in base a menù della serata

I Bianchi e Rossi

Da aperitivo a tutto pasto il Prosecco Valdobbiadene Doc servito in Flûte  a 8-10° oppure un Prosecco Moscato Rosa, che risulta più asciutto, ottimo con Pesce e Salumi a 5-6°. Per pranzi leggeri a base di Pesce l’ideale è un Pinot Chardonnay

I Bianchi Secchi

Dei Vini Bianchi Secchi, poco profumati, che accompagnano bene Antipasti, anche con Salumi e Sottaceti o Primi leggeri con condimenti semplici, come l’Arneis con la sua vena acidula, il Riesling o un Granlasco.

Gli Aromatici

Di questa categoria di vini che accompagnano bene le preparazioni a base di Frutti di Mare, Crostacei e Molluschi, poichè contrastano la loro dolcezza si può puntare su un il Muller Thurgau, il Riesling Italico, il Sylvaner o il Traminer aromatico dell’Alto Adige. Chi invece preferisce qualcosa di meno aromatico può scegliere un bicchiere a Tulipano, che ne esalta il profumo, di buon Sauvignon del Collio. Questi vini vanno serviti freschi, ma non freddi, a 10-12°.

I Rosati

Per dei primi saporiti con il Ragù e le Paste ripiene scegliete un vino rosato che ha un profumo delicato, intenso, ed un sapore secco ed ascitto Questi vini accompagnano bene anche Antipasti a base di Salumi o Carni Bianche cucinate in modo semplice e non troppo elaborati.

I Vini Rosati del Sud Italia, che sono meno profumati ma più forti nel sapore si abbinano bene a piatti dal gusto più deciso o a zuppe di pesce a base di molluschi.



I Rossi

Per piatti rustici a base di Pesce e Pomodoro, scegliete un vino rosso giovane, massimo 2 anni, dal sapore asciutto e delicato.

Per piatti con Carni Bianche cucinate in modo semplice potete scegliere un Bardolino Classico o il Dolcetto, mantre per piatti di cacciaggione e carne rossa optate per un vino più forte di buon invecchiamento come un Barolo o un Chianti Riserva.

Bianchi Spumanti e Dolci

Qui iniziamo ad essere nel pieno dei Dolci e con il Panettone, Pandoro o Focacce con Frutta Secca un leggero e fruttato come L’Asti Spumante, dal sapore Aromatico.

Per dolci farciti con Creme, il vino dovrebbe essere molto dolce e con una gradazione alcolica abbastanza alta come il Moscato o un Passito.

Per dolci di Frutta secca è perfetto un Ramandolo

Rossi Dolci Frizzanti

Sono perfetti per accompagnare bene una Crostata a base d Frutta Secca un Brachetto o la Vernaccia di Serrapetrosa.

Rossi Leggeri anche Frizzanti

Leggeri dal colore non troppo scuro,  più o meno secchi, si adattano ad accompagnare tutto il Pasto.

Con la loro spuma che si forma quando sono versati nel bicchiere accompagnano bene i Salumi, i Primi Asciutti con Ragù, Secondi di Carne Bianca o Volatili da Cortile, Zuppe di Pesce o Brodetti, Cotechino e Zampone. Consigliati il Lambrusco di Sorbara o il Grignolino d’Asti.

*Per il cioccolato*

Il vino deve essere particolarmente forte come alcolicità per “Pulire” le papille gustative ed evitare la senzazione di impastato tipica dei Dolci al Cioccolato. Un Barolo Chinato, Il Recioto della Valpolicella e il Passito di Pantelleria svolgono bene questa funzione durante la degustazione.

Inoltre se volete stupire i vostri ospiti con un’aperitivo diverso dal solito, vi lascio qualche consiglio su qualche idea Alcolica, e non, con la frutta Qui

Commenta per primo