Spaghetti alla Puttanesca. Classico Partenopeo.

Print Friendly, PDF & Email

Gli Spaghetti alla Puttanesca appartengono all’antica cucina popolare Napoletana, è infatti, una summa dei sapori e dei colori della Cucina Mediterranea.

Oltre agli immancabili Pomodori San Marzano, con cui si prepara la salsa di questo piatto, vi sono i Capperi, su tutti regnano sovrani  quelli delle isole siciliane di Pantelleria e di Salina, le olive nere speciali coltivate a Gaeta, e per ultimi, i filetti di acciuga sott’olio rigorosamente del nostro Mediterraneo.

Come sempre molte sono le storie che sostengono che l’origine del nome di questa ricetta. In una si narra del proprietario di una casa di appuntamenti nei Quartieri Spagnoli che rifocillava i propri ospiti con questo piatto, per la facilità di preparazione.

Altri fanno riferimento agli indumenti intimi delle ragazze della casa che, per attirare i cliente, indossavano biancheria di colori vistosi, come la salsa di questo piatto.

Alcuni l’attribuiscono alla fantasia di una ragazza di vita, Yvette la Francese, che s’ispirò per celebrare, attraverso il nome, la professione più antica del mondo.

La più quotata è quella di Sandro Petti, ai fornelli del suo Rancio Fellone, un ristorante di Ischia, un’estate degli anni ’50, inventò questo piatto utilizzando i prodotti che tutti hanno in dispensa.

“Quella sera di tanti anni fa, era molto tardi, ai tavoli del locale sedettero un gruppo di amici veramente affamati… io avevo finito tutto, e li avvisai: “Mi dispiace non ho più nulla in cucina, non posso preparavi niente”. Ma loro insistettero e mi esortarono dicendo: “Ma dai Sandro, è tardi e abbiamo fame, dove vuoi che andiamo… facci una puttanata qualsiasi”.

La “puttanata qualsiasi“, che quell’autentico mago in cucina portò in tavola era un fumante piatto di “Spaghetti alla Puttanesca”, una pietanza che da quella famosa sera, divenne un must della tradizione culinaria non solo dei ristoranti campani,  non solo ischitani, ma addirittura di tutto il mondo.


Spaghetti alla Puttanesca

(Facile – 30 minuti – 6 persone)

  • 600 g di Spaghetti
  • 6 filetti di Acciughe sott’olio
  • 200 g di Olive di Gaeta snocciolate
  • 1 spicchio d’Aglio
  • Un ciuffo di Basilico
  • 1 cucchiaio di Capperi sotto sale
  • 5/6 Pomodori pelati o San Marzano maturi
  • 1,5 dl di Olio Extravergine di Oliva
  • 1 Peperoncino o del pepe nero se non gradite il primo


Scolate le acciughe dall’olio di conserva. Dissalate i capperi in un po’ d’acqua per eliminare il sale in eccesso e tritateli.

Metteteli in padella insieme all’aglio in camicia, un po’ di peperoncino, un filo d’olio e lasciate rosolare a fuoco dolce schiacciando le acciughe con i rebbi di una forchetta.

Tagliate i pomodori in quattro o a dadini, dividete a metà le olive nere di Gaeta. Aggiungeteli al soffritto e lasciate insaporire la salsa, a fuoco moderato, per 10 minuti.

Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli al dente e conditeli saltandoli,per legare il tutto, insieme al sugo preparato prima.

Impiattate gli Spaghetti alla puttanesca e serviteli guarnedoli con il basilico ben lavato.

Commenta per primo

Benvenuti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.