Soffritto Napoletano

Print Friendly

Il soffritto napoletano è un piatto dalle umili origini antichissime. E’ un ottimo condimento per la pasta o un secondo molto ricco. Si tratta di una sorta di zuppa di interiora del maiale e sugo, insaporito con rosmarino, peperoncino ed alloro.

“O zuffritto” veniva preparato per riciclare tutte le parti del maiale. Nell’antica Napoli c’erano le cosidette venditrici di “zuffritto”, casalinghe che preparavano e vendevano il soffritto per guadagnare qualche moneta.

La mattina presto, mettevano la “fornacella” fuori dalle loro abitazioni, i “vasci” e cuocevano la carne in grossi pentoloni. Le persone che andavano a lavoro a quell’ora arrivavano dalle donne con la “capa e pane” (pezzo di pane) per imbottirla con il soffritto e mangiarla durante la pausa dal lavoro. In questo modo le casalinghe si assicuravano un lavoro e qualche spicciolo.

Vediamo come preparare un ottimo soffritto napoletano per condire la pasta o da servire come seconda portata.f


Soffritto Napoletano

(per 6 persone)

  • 2 kg di frattaglie di maiale (cuore, milza, polmone, trachea)
  • 200 gr di concentrato di pomodoro
  • 30 gr di salsa di pomodoro
  • 100 gr di strutto
  • peperoncino forte
  • rosmarino
  • 1 foglia di alloro
  • 1 cucchiaio di olio
  • ½ bicchiere di vino rosso
  • sale

Tagliate a pezzettini le frattaglie, lavatele accuratamente e mettele per un paio di ore in un recipiente colmo d’acqua, cambiando l’acqua spesso.

Quando il sangue sarà completamente sparito, colate ed asciugate i pezzettini. In una pentola molto ampia mettete lo strutto ed il cucchiaio d’olio ed unite i pezzettini di carne.
Quando il liquido sarà assorbito, aggiungete il vino e fate evaporare. Aggiungete il concentrato di pomodoro, la  salsa di pomodoro diluita in un po’ d’acqua calda, la foglia di alloro, il rosmarino ed il peperoncino e qualche bicchiere d’acqua.
Lasciate cuocere per qualche ora Ed infine aggiungete il sale.
A fine cottura, la carne dovrà essere ben cotta ed il sugo non dovrà essere
troppo denso.

Servire il soffritto a zuppa con crostini o pane tostato oppure usatelo per condire i vermicelli o linguine  che avrete lessato, al dente, in acqua bollente e salata.

Commenta per primo

Benvenuti