Pandoro Soffice delizia di Verona.

Ricetta Base

Print Friendly, PDF & Email

Il Pandoro è un tipico dolce originario di Verona, ed è uno dei dolci più amati e servito tradizionalmnete come dessert nel periodo natalizio. Protagonista indiscusso delle tavole insieme al Panettone Milanese.

Il pandoro nasce da ingredienti semplici: farina, zucchero, uova (che gli conferiscono il caratteristico colore giallo), burro, lievito e burro di cacao, ma necessita di una lavorazione lunga e complessa, in cui si alternano fasi di impasto e di lievitazione ripetute a distanza di diverse ore, nel rispetto rigoroso delle temperature. La consistenza finale è soffice e leggera, il sapore è delicato e l’aroma leggermente vanigliato.

Ha la tipica forma di una stella a otto puntesi, che si ottiene utilizzando un’apposito stampo alto, a forma di piramide tronca, diviso in spicchi ad angolo acuto.

Tradizionalmente, la nascita del pandoro si fa risalire al “nadalin”, un dolce a forma di stella che si preparava a Verona a fine Ottocento. Tuttavia la vera origine è controversa. Per alcuni andrebbe collocata addirittura nell’impero asburgico, dove i pasticceri della Casa Reale di Vienna preparavano l’antenato del pandoro a partire da una variante del “pane di Vienna”, famoso dolce dell’epoca molto simile alla francese “brioche”. Per altri, invece, sarebbe stato concepito all’interno della Repubblica Veneta del Rinascimento, quando le ricche famiglie patrizie consumavano un dolce chiamato “pan de oro” ricoperto di sottili foglie di oro zecchino.

Oggi il pandoro è largamente consumato in tutta Italia, e se ne trovano in commercio molte varietà accanto a quella classica: si va dalla copertura al cioccolato a molti tipi di farciture con creme al caffè, gianduia, tiramisù o zabaione.

Con questa ricetta se lo preferite potete confezionare tre pandori più piccoli anzichè uno solo.


Ricetta Pandoro

(Molto difficile – Prep 20 min + 6 h e 30 di lievitazione + 50 min di cottura – 6 persone)

  • 300 gr di Farina Bianca + quella per la spianatoia
  • 200 gr di Burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • 120 gr di Zucchero
  • 20 gr di Lievito di Birra
  • 1/2 bicchiere di Panna Liquida
  • La scorza grattugiata di 1 Limone
  • 5 Tuorli
  • 1 uovo intero
  • 30 gr di Zucchero a Velo
  • 1/2 bustina di Vanillina

Inoltre

Stampo speciale a pareti alte e scannelate



Prima Lievitazione

Mettete in una ciotola il lievito di birra sbriciolato, un cucchiaio di Zucchero, un Tuorlo d’uovo, 30 gr di Farina e lavorate la pasta con poca acqua tiepida in modo da formare un panetto. Coprite la ciotola con un canavaccio e lasciate lievitare per circa 2 ore.

Seconda Lievitazione

Mettete sulla spianatoia metà della Farina rimasta unendovi lo Zucchero, il primo panetto lievitato, 3 tuorli d’uovo e 40 gr di Burro. Lavorate bene l’impasto e formate una palla che metterete nuovamente a lievitare in una ciotola leggermente infarinata, coperta con un telo per circa un’oretta.

Terza Lievitazione

Versate nuovamente la Pasta ben Lievitata sulla spianatoia infarinata e unite il resto della Farina e dello zucchero, 1 tuorlo e l’uovo intero. Lavorate la pasta con energia,  in modo che tutti gli ingredienti siano ben amalgamati, e lasciatela lievitare coperta per circa 2 ore.

Preparazione

Mettete l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata, aggiungete la scorca di limone grattugiata e la vanillina, continuate a impastare unendo poco alla volta la Panna in modo che venga ben assorbita.

Stendete la pasta ben lavorata sulla spianatoia, formando con un matterello un rettangolo. Distribuite al centro il Burro tagliato a pezzettini, ripiegate in tre il rettangolo di pasta, stendetela di nuovo e ripiegatela nuovamente in 3.

Lasciate riposare per 30 min. Ripetete l’operazione precedente ancora una volta e lasciate riposare per altri 30 minuti.

Imburrate e infarinate leggermente lo stampo, capovolgetelo per eliminare l’eccesso di Farina. Formate con la pasta una palla e mettetela nello stampo: la pasta dovrà arrivare a circa metà della sua atezza. Lasciate lievitare in un luogo tiepido, fino a che la pasta raggiungerà il bordo dello stampo (circa 20 min).

Scaldate intanto il forno a 200° e lasciate cuocere il dolce per  30 minuti, poi abbassate il calore a 180° completando la cottura a fuoco moderato.

Sfornate e togliete subito il dolce dallo stampo per lasciarlo raffreddare su una graticola.

Prima di servirlo cospargerlo abbondantemente di Zucchero a Velo.

Commenta per primo

Benvenuti

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.