Pici con le Briciole. Ricetta tipica Toscana

Print Friendly, PDF & Email

Progenitori degli spaghetti, i pici,  come li chiamano a Montepulciano sono preparati con Farina e acqua. Le massaie Toscane li confezionavano grossi o fini, teneri o duri, ma sopratutto “rugosi“, perchè così “acchiappano” meglio il sugo.

Come in questa ricetta, in cui il condimento, sempliissimo, è fatto solo di pancetta e briciole di pane. Ma esistono altre varianti, come i Pici al sugo di coniglio, con la Nana (Anatra), con le verdure

La pancetta, nel Chianti viene chiamata rigatino perchè in mezzo alla massa grassa si vedono delle vere e proprie righe di magro, con la conseguenza di possedere un sapore inconfondibile e un gusto eccellente.

Il rigatino si ottiene con la parte centrale del maiale, quella che si trova in mezzo fra la spalla e il prosciutto. Di forma rettangolare dello spessore di circa quattro centimetri e viene messo sotto sale dopo averlo accuratamente spalmato e massaggiato con polpa di aglio ed impepata. Rimane così per circa sette giorni, al termine dei quali viene tolto il sale e lavato per essere quindi appeso ad asciugare e stagionare per svariati mesi.

La pancetta può essere impiegata anche fresca, che fatta a dadini, può essere impiegata come condimento per la pasta, come in questa ricetta, ma anche nella Carbonara, l’Amatriciana o la Gricia, dove può sostituire il guanciale.


Pici con le Briciole

(Elaborata – 50 min  + il riposo della pasta – 6 persone)

Per la pasta

  • 500 g di Farina
  • 2,5 dl di acqua
  • 0,25 dl di olio extravergine di oliva
  • 30 g di semolino
  • sale

Per il condimento

  • 3 o 4 fette di pane casereccio raffermo
  • 1 dl di Olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 g di Pancetta o Rigatino
  • Sale e Pepe


Prepariamo i Pici Toscani seguendo le indicazioni della ricetta originale che trovate qui

Quindi poi dedicatevi alla preparazione del condimento sbriciolando il panee facendolo leggermente tostare in forno a 200°.

Intanto, tritate la pancetta e mettetela a rosolare, a secco,  per circa 10 minuti in un tegame di coccio. Quando sarà bella dorata, unite l’aglio precedentemente mondato e schiacciato e l’olio d’oliva estravergine.

Aggiungete al soffritto il pane sbriciolato appena uscito dal forno e lasciatelo rosolare fino a quando sarà diventato croccante.

Aggiustate di sale e profumate con il pepe. Fate cuocere i Pici in una pentola con abbondante acqua salata, scolateli al dente e versateli direttamente nel tegame di coccio con il condimento.

Mescolate accuratamente e servite i Pici con le Briciole ben caldi e con un buon vino bianco, morbido, giovane, equilibrato, come un Grechetto umbro, un Falerio marchigiano, un Frascati

Commenta per primo

Benvenuti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.