Fritole alla Veneta. Ricetta originale

Print Friendly, PDF & Email

Per il periodo di Carnevale quest’oggi vi propongo le Fritole alla veneta, le tipiche frittelle di origine Veneziana.

Queste deliziose frittelle, fritte in abbondante olio, come molti dei dolci del Carnevale come le frappe o le castagnole, vengono preparate con un’impasto fatto con lievito di birra, lasciato  lievitare per 5 ore e arricchito da uvetta, pinoli, scorza di limone, canditi e Rum.

Le dimensioni delle Fritole dipendono dal vostro gusto e potrete farle più piccole o più grandi, come vorrete. Si possono anche preparare in versione semplice e poi farcite con con crema pasticcera.

Saranno maggiormente più ricche e di gusto più raffinato se userete del Latte al posto dell’acqua, e aggiungerete al composto due tuorli d’uovo.

Consiglio inoltre di friggerne poche per volta, per aver un miglior risultato durante la cottura.

Potete conservare le Fritole già pronte per un’oretta nel forno tiepido a 80° C, con lo sportello aperto.


Fritole alla Veneta

(Elaborata – 40 min + 5 ore di lievitazione – 4-6 persone)


 


 Mettete l’Uva Sultanina in una tazza ad ammorbidire con il Rum.

In una grande terrina mettete la Farina, lo Zucchero e il Lievito di Birra sciolto in poca acqua tiepida. Mescolate con il cucchiaio di legno, aggiungendo via via altra acqua in modo da ottenere un composto piuttosto morbido.

Amalgamatevi la scorza grattugiata del limone, l’Uva Sultanina con il Rum, i pinoli e i canditi, mescolate a lungo e lasciate riposare la pasta, coperta con un canavaccio in un luogo tiepido, per 5 ore.

Al momento di friggere le Fritole lavorate, con il cucchiaio, il composto ancora per qualche minuto aggiungendo, se occorre, un pò d’acqua, perchè la pasta deve risultare piuttosto fluida.

Mettete in padella abbondante olio e appena sarà bollente gettatevi il composto a cucchiaiate lasciando colorire le Fritole che si gonfieranno notevolmente.

Toglietele con una paletta bucata o Schiumarola, passatele sulla carta assorbente e poi sul piatto da portata cospargendole con Zucchero a velo.

Servite calde accompagnandolo con un Moscato Veneto a 12°C oppure un Prosecco di Conegliano a 7 °C

Commenta per primo

Benvenuti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.