Come pulire e cuocere gli agretti

Print Friendly, PDF & Email

Gli agretti, noti anche con i nomi di barba di frate e barba di cappuccino, sono grandi protagonisti della tavola primaverile, gradevoli per consistenza e sapore acidulo. Si possono acquistare nei banchi dei mercati o dei supermercati fra la fine di marzo e aprile.  Poco calorici ma ricchi di vitamina C e fibre, quindi ottimi per regolarizzare l’intestino.

Forniscono anche vitamina A, calcio e fosforo. Si possono mangiare  in insalata, saltati in padella con burro e aglio e cosparsi di formaggio grattugiato, in gustose torte salate, in veloci frittate, ma è preferibile lessarli e condirli con olio extravergine di oliva, limone, sale e pepe.

Come pulire gli Agretti e cuocerli.

Per cominciare la cottura degli agretti è un procedimento semplice che va calcolato alla perfezione, sulla base della grandezza delle foglioline e della loro freschezza, ma anche dei gusti personali.

Prendete ogni singola piantina e spezzate la radice a fittone di colore rosa. Pulite la parte verde eliminando piante secche o guaste.

Sciacquate, benissimo sotto l’acqua corrente, più volte gli agretti per eliminare bene ogni residuo terroso. Fateli cuocere in acqua bollente salata per 3-4 minuti circa. Non devono mai diventare troppo morbidi quindi se avete intenzione di ripassarli in padella, vi conviene calcolare un tempo medio di 3-5 minuti in acqua bollente, per non renderli troppo molli. Se volete preparare gli agretti al limone, calcolate un tempo di cottura di 5-7 minuti massimo.

Scolateli e passateli velocemente sotto l’acqua fredda per mantenere il colore verde brillante e fermarne la cottura.

Servite come contorno accanto a piatti sia di carne sia di pesce.
  • Un’ottima alternativa sono gli agretti al vapore, il cui tempo di cottura è più lungo. Ci vogliono infatti circa 15 minuti in vaporiera ma in questo modo le proprietà ed il gusto si conserveranno alla perfezione.

Commenta per primo

Benvenuti