Acqua di fiori d’arancio (ricetta base)

Print Friendly

 L’ Acqua di fiori d’arancio è un’acqua profumata molto usata nelle case marocchine, dove è applicata come un profumo e deodorante o utilizzata in preparazioni culinarie come ingrediente. Per questi ultimi, si presenta in una lunga lista di dessert e dolci anche qui da noi che ne prevedono l’uso, fra questi c’è la Pastiera Napoletana.

Il metodo tradizionale di fare l’acqua di fiori d’arancio richiede la distillazione a vapore in attrezzature di rame speciale. Si può provare invece questo metodo facile a casa, dove si mettono in infusione i fiori appena raccolti in acqua distillata, con attrezzature della cucina comune.
Anche se non ha il sapore intenso come la sua controparte a vapore, sarà comunque un prodotto abbastanza fragrante da provare in ricette dolci.


Acqua di fiori d’arancio

(Difficoltà: media – preparazione 1 ora + macerazione)

  • 100 g di fiori d’arancio amaro (zagare)
  • ½ l litro d’acqua.


Utilizzare i fiori che non siano stati trattati con erbicida, pesticidi o insetticidi.
Scegliere i fiori al mattino presto prima che il sole diventi troppo caldo, circa 2 o 3 ore dopo l’alba.
Lavare fiori e petali in acqua fredda  e risciacquare accuratamente per rimuovere gli insetti e la sporcizia. Llasciateli in ammollo per 5 minuti, quindi sciacquateli.
Macerare petali in una ciotola con l’acqua tenendoli sotto con un peso e lasciate riposare per diverse ore.
Trasferite il tutto in un grande contenitore di vetro con coperchio e lasciate riposare in pieno sole per almeno un giorno, scuotendolo ogni tanto.

Controllare il profumo. Se è troppo debole lasciatelo al sole per un’altro giorno. Scolare l’acqua di fiori in diversi vasetti sterilizzati più piccoli con i coperchi.
Conservare in un luogo fresco e buio, come il frigorifero, per breve tempo.

Tenete presente che per aromatizzare i vostri dolci occorre un quantitativo maggiore del preparato casalingo rispetto all’estratto industriale, un esempio, nella preparazione di una crema dovrete sostituire ad un bicchiere di latte un bicchiere dell’acqua che avrete preparato.

Commenta per primo

Benvenuti